George Habash – Sulla natura delle relazioni con le forze islamiche (1997)

JI-FP-HMRiguardo alla questione della natura delle relazioni con le forze islamiche, il FPLP sin dagli anni ’90 ha abbracciato una chiara linea politica.

George Habash difatti sostenne:

“Questa è una delle principali problematiche che il movimento di liberazione nazionale arabo si trova ad affrontare, sia a livello palestinese che a livello arabo. La natura delle relazioni con le forze dell’Islam politico non può essere arbitraria: innanzitutto non si può relegarle in una stessa categoria, e, in secondo luogo, dobbiamo relazionarci con le forze realmente radicate nella comunità, escludendo ovviamente i gruppi che allacciano rapporti ambigui. Questo vuol dire che dobbiamo tutti, noi e le forze dell’Islam politico, aprire le porte ad una discussione per giungere ad un comune denominatore per poter lavorare nella attuale situazione e in quella che ci prospettiamo.

Quindi dobbiamo fare dei distinguo tra tra le forze islamiche resistenti e combattenti che hanno una visione sociale ed ideologica, come in Libano (Hezbollah), in Palestina (Hamas e Jihad Islamico) e in Giordania (Al-Jama’a Al-Islamiya), dalle forze e dai gruppi le cui azioni non sono comprensibili e non trovano giustificazione né umanamente, né a livello comportamentale, né altrettanto non trovano giustificazione nei principi dell’Islam, come accade ora in Algeria o in Egitto.

Siamo convinti che debba costituirsi un’alleanza profonda che regoli le nostre relazioni con le prime forze citate; un’alleanza basata sui principi di fermezza di fronte al nemico nazionale e di scontro con esso. Questo fattore garantisce continuità all’alleanza, e per un periodo non breve. Dipenderà però dal fatto che questa azione si basi su principi democratici, ossia che il rapporto con la comunità si regoli attraverso la democrazia. Quindi bisogna definire l’azione ideologica, politica, sociale, mediatica e organizzativa, e lasciare piena libertà alle masse popolari di unirsi o sostenere qualsiasi partito o pensiero politico vogliano, oltre a dare loro libertà di dissentire dal pensiero politico dell’altro, a patto di risolvere le divergenze interne senza ricorso alla scontro violento.

Ho incontrato dirigenze di Hezbollah, ho incontrato lo sheikh Ahmad Yassin in Giordania dopo la sua liberazione, così come ho incontrato pure Khaled Mesha’al. Ho parlato con loro di tutto ciò e mi sono detto: è vero che ci sono divergenze a livello ideologico, ma vi sono le basi per un lavoro congiunto che possono sostenere per decenni il nostro scontro contro il nemico sionista. E ho riscontrato condivisione in merito.

Detto questo, resta la necessità di ulteriore discussione e confronto per maturare un’idea politica e pratica. Per quel che riguarda le altre correnti delle forze islamiche sopra citate, non condividiamo il loro pensiero e critichiamo le loro pratiche. Vi è una sostanziale divergenza per quel che riguarda la questione sociale. Ci alleiamo con alcuni di questi movimenti islamici su un unico punto che è combattere Israele e invitiamo all’adesione ai principi democratici nel relazionarci con loro sulle questioni di dissenso. Vi è chi crede che per quanto possiamo guardare all’aspetto politico, la questione sociale verrà sempre e comunque ad imporsi. Ma già la situazione e l’andamento degli eventi stanno in realtà imponendoci di allearci per fronteggiare Israele e il sionismo, e questo senza comunque annullare la divergenze di opinioni in merito alla questioni sociali.

In Libano e in Palestina i movimenti islamici sono differenti dai movimenti islamici dal resto dei paesi arabi, difatti la loro priorità è quella del conflitto contro Israele. In questo momento in Giordania vi è un fronte di azione islamico perfettamente consapevole dei pericoli del sionismo e della necessità di respingerlo; questo fronte porta avanti la resistenza contro l’accordo di Wadi ‘Araba….”

Da un’intervista a George Habash (Ottobre 1997)
Traduzione a cura del Comitato Ghassan Kanafani

Condividi

Per la riproduzione totale o parziale di materiale pubblicato su questo sito, si prega di contattarci tramite l'apposito form.